Cos’è l’illuminazione in chiaroscuro e quando viene utilizzata questa tecnica di illuminazione?

Originando dal termine italiano Chiaro per ” luce “e Scuro per” buio”, le tecniche di illuminazione in chiaroscuro possono essere utilizzate per rappresentare i contrasti iniziali tra luce e ombra per produrre un aspetto tridimensionale. Illuminazione chiaroscuro può essere utilizzato per una varietà di situazioni diverse per produrre qualità tridimensionale in immagini altrimenti bidimensionali. Ma che cosa è l’illuminazione chiaroscuro comunque e quando è usato?

Illuminazione in chiaroscuro Definita

L’illuminazione in chiaroscuro risale a Leonardo Davinci e fu ulteriormente perfezionata da Vermeer e Rembrandt. Il processo prevede l’uso di contrasto in luce e ombre attraverso un’immagine per produrre una qualità tridimensionale in un’immagine che si trova su un piano bidimensionale. Il chiaroscuro utilizza intensi contrasti di luce e buio che possono creare un mood molto forte e drammatico nei confronti del film.

L’effetto chiaroscuro è stato a lungo utilizzato principalmente sui ritratti, ma è anche prezioso per aggiungere profondità al paesaggio e alla natura morta. L’uso di luci e ombre contrastanti produce l’illusione di una scena tridimensionale.

Quando viene utilizzata la tecnica di illuminazione in chiaroscuro

La tecnica di illuminazione in chiaroscuro viene utilizzata nel film per creare un’oscurità raffinata che abbraccia il personaggio per generare un senso di profondità. Essenzialmente la cinematografia può essere definita pittura con luce. La tecnica di illuminazione in chiaroscuro viene utilizzata per produrre un aspetto drammatico che fa percepire al pubblico una sensazione di solitudine, mistero e dramma profondo associato al personaggio.

La tecnica di illuminazione in chiaroscuro viene utilizzata nei film per evidenziare le caratteristiche di un soggetto. Anche se vediamo questa tecnica utilizzata nelle produzioni cinematografiche di oggi, era più pronunciata e creava un effetto molto più drammatico quando veniva utilizzata negli anni 1940-50 prima che venissero prodotte pellicole a colori. C’è solo qualcosa nella dimensione sbalorditiva che deriva dalla produzione di una scena che viene illuminata con la tecnica dell’illuminazione in Chiaroscuro. Una volta che uno standard di produzione cinematografica, illuminazione chiaroscuro può cambiare da film a film o tra i registi, ma il risultato finale, un aumento della profondità e dramma prodotto da forti contrasti di luce e ombra e catturato dal direttore della fotografia rimangono abbastanza simili in ambito.

Illuminazione in chiaroscuro Impostazione in Film

L’impostazione per la tecnica del chiaroscuro richiede un approccio minimalista all’illuminazione per produrre un effetto drammatico. In genere, l’illuminazione viene utilizzata per produrre un netto contrasto brillando la luce da un lato per illuminare il viso permettendo al resto di cadere nell’oscurità. Questo produce la profondità 3D e la dimensione nello spazio 2-dimensionale.

Per produrre una configurazione di illuminazione in chiaroscuro, seguire le istruzioni riportate di seguito:

  • Scegli il tuo soggetto. Ricorda che questa tecnica di illuminazione è meglio utilizzata per illuminare il corpo umano o una superficie tridimensionale poiché l’illuminazione di una superficie piana avrà un impatto drammatico minimo.
  • Scegli lo stato d’animo per la scena. Questo effetto è generalmente usato per creare mistero, serietà o un elemento aggiunto del dramma.
  • Eliminare tutte le luci esterne. Non vuoi che l’illuminazione interrompa l’uso della tecnica di illuminazione in chiaroscuro sul tuo soggetto. Assicurarsi che si sta lavorando con una tela scura.
  • Produrre il vostro principale ad angolo di luce. La sorgente luminosa primaria sarà angolata a 45 gradi dal soggetto su cui si intende utilizzare la tecnica di illuminazione in Chiaroscuro.
  • Esperimento con l’illuminazione per ottenere il migliore, più dimensionale look. Posizionare la vostra illuminazione a varie angolazioni e altezze per produrre effetti diversi sul soggetto. Noterai che le emozioni che sono rappresentate dal cambiamento di illuminazione possono variare da misteriose a proibite a sole o confinate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.