La Fortezza romana di York

La maggior parte dei visitatori in Gran Bretagna avranno sentito parlare delle due grandi fortezze legionarie romane di York Eburacum e Chester Deva, ma molti potrebbero non essere a conoscenza della terza principale base militare romana di Caerleon o Is. Oggi Caerleon è una piccola città di circa settemila persone, situata lungo il fiume Usk, appena sfuggendo allo sprawl urbano della vicina Newport nel sud-est del Galles.

Solo dai primi anni del 1900 i segreti della fortezza romana di Is sono stati lentamente salvati dall’oblio. Prima di questo, i visitatori delle rovine avevano erroneamente confuso i resti del più grande Anfiteatro romano della Gran Bretagna con la Tavola rotonda di re Artù! I visitatori del sito al giorno possono apprezzare quanto facilmente un tale errore avrebbe potuto essere fatto!

La fortezza di Is era originariamente sede delle 5.500 truppe di fanteria pesantemente armate che componevano la Seconda Legione Augustea (Legio Secunda Augusta). Is è una delle circa trenta fortezze simili che assicuravano le stesse frontiere dell’impero romano, dalle selvagge montagne della Scozia ai deserti dell’Arabia. La Legio II Augusta prende il nome dal suo fondatore, l’imperatore Augusto, e faceva parte della forza d’invasione originale che iniziò la conquista della Britannia nel 43 d.C.

La costruzione della fortezza non iniziò fino al 75 d.C. circa. La sua posizione era stata scelta dall’allora governatore della Gran Bretagna, Sesto Giulio Frontino, a cui era stato affidato il compito di sistemare le restanti aree inviolate della Gran Bretagna. Il sito scelto, essendo all’interno del territorio nemico (siluriano), ma abbastanza vicino alla foce del fiume Usk da essere raggiunto da navi marittime qualora fossero necessari rinforzi urgenti o altri rifornimenti.

Le difese originali di Is erano di torba, argilla e legname, questi sono stati sostituiti intorno al 100 d.C. da mura e torri in pietra. All’interno delle difese, gli edifici erano disposti nello schema standard per le fortezze legionarie di quel tempo. Questo modello comprendeva gamme di lungo e stretto barrack-blocchi per ospitare i soldati comuni e una zona separata per gli alloggi degli ufficiali. Totalmente autonomo il layout comprendeva anche bagni e un ospedale, nonché laboratori per l’artigiano legionario – tra cui fabbri, falegnami, calzolai, ecc. L’Anfiteatro sorge oggi, come allora, appena fuori dalle mura della fortezza. Progettato per ospitare 5.000 spettatori e per regalarli all’attrazione principale del giorno: i Gladiatori!

Is rimase il quartier generale della Legio II Augusta per più di 200 anni. È improbabile tuttavia che durante tutto questo tempo sarebbe rimasto a pieno regime di guarnigione. I distaccamenti sarebbero stati senza dubbio redatti in tutto l’impero forse per conquistare qualche povera tribù ignara, o per aiutare con la costruzione e l’equipaggio del Vallo di Adriano, o anche qualche avamposto ulteriormente scagliato come il Vallo Antonino.

Anfiteatro a Caerleon

Le turbolenze politiche, gli omicidi e la rivolta che erano parte integrante della Roma del terzo secolo avrebbero finalmente visto la fine della storia di Is, da qualche parte intorno al 287 -296 d.C., e così la storia di Caerleon avrebbe iniziato. Oggi i resti romani di Caerleon si trovano a pochi minuti a piedi l’uno dall’altro. I sistemi stradali di questa piacevole cittadina seguono ancora le linee dell’originale pianta romana con Broadway (via principalis) che collega il moderno museo Legionario con gli imponenti resti dell’anfiteatro, delle caserme e delle mura della fortezza. High Street è sulla linea della via praetoria, che ha portato alla traversata al fiume Usk. Cammina lungo la via principalis romana e scopri i resti di torrette, cucine, forni e la stanza del bambino. Seguire il corso delle difese romane a sud dove il muro si erge quasi alla sua altezza originale 3,5 m. Dietro ogni angolo ancora un po ‘ da scoprire. Forse la fortezza da non dimenticare di Is!

Un’immagine aerea della Fortezza di Is.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.