Morte cardiaca improvvisa (Arresto cardiaco improvviso)

Sintomi e cause

Quali sono i sintomi di arresto cardiaco improvviso?

Alcune persone possono avvertire un battito cardiaco accelerato o possono sentire le vertigini, avvertendole che è iniziato un problema di ritmo cardiaco potenzialmente pericoloso. In oltre la metà dei casi, tuttavia, l’arresto cardiaco improvviso si verifica senza sintomi precedenti.

Che cosa causa la morte cardiaca improvvisa?

La maggior parte delle morti cardiache improvvise sono causate da ritmi cardiaci anormali chiamati aritmie. L’aritmia più comune pericolosa per la vita è la fibrillazione ventricolare, che è un tiro irregolare e disorganizzato di impulsi dai ventricoli (le camere inferiori del cuore). Quando ciò si verifica, il cuore non è in grado di pompare sangue e la morte si verificherà in pochi minuti, se non trattata.

Quali sono i fattori di rischio di arresto cardiaco improvviso?

Ci sono molti fattori che possono aumentare il rischio di arresto cardiaco improvviso e morte cardiaca improvvisa di una persona.

I due principali fattori di rischio includono:

  • Precedente attacco di cuore (il 75% dei casi di SCD è legato a un precedente attacco di cuore) -Il rischio di SCD di una persona è più alto durante i primi sei mesi dopo un attacco di cuore.
  • Malattia coronarica (l ‘ 80% dei casi di SCD è collegato a questa malattia) -I fattori di rischio per la malattia coronarica includono il fumo, la storia familiare di malattie cardiovascolari, il colesterolo alto o un cuore ingrossato.

Altri fattori di rischio includono:

  • frazione di Eiezione inferiore al 40 per cento, combinato con la tachicardia ventricolare (vedere informazioni di seguito su EF)
  • Prima dell’episodio di arresto cardiaco improvviso
  • storia Familiare di arresto cardiaco improvviso o SCD
  • storia Personale o familiare di alcuni ritmi anormali del cuore, tra cui la sindrome del QT lungo, Wolff-Parkinson-White, sindrome di, estremamente bassi tassi di cuore o blocco cardiaco
  • tachicardia Ventricolare o fibrillazione ventricolare dopo un attacco di cuore
  • Storia di cardiopatie congenite difetti o anomalie del vaso sanguigno
  • Storia di sincope (svenimenti episodi di causa sconosciuta)
  • Insufficienza cardiaca: una condizione in cui la potenza di pompaggio del cuore è più debole del normale. I pazienti con insufficienza cardiaca hanno da 6 a 9 volte più probabilità rispetto alla popolazione generale di sperimentare aritmie ventricolari che possono portare ad un arresto cardiaco improvviso.
  • Cardiomiopatia dilatativa (causa di SCD in circa il 10% dei casi): una diminuzione della capacità del cuore di pompare il sangue a causa di un ventricolo sinistro allargato (dilatato) e indebolito
  • Cardiomiopatia ipertrofica: un ispessimento del muscolo cardiaco, che colpisce soprattutto i ventricoli
  • cambiamenti Significativi nei livelli ematici di potassio e di magnesio (dall’uso di diuretici, per esempio), anche se non è biologica, la malattia di cuore
  • Obesità
  • Diabete
  • Ricreative abuso di droga
  • l’Assunzione di farmaci che sono “pro-aritmici” può aumentare il rischio di aritmie letali

morte cardiaca Improvvisa (SCD), si verifica raramente in atleti, ma quando accade, spesso ci colpisce con shock e incredulità.

Causa:

La maggior parte dei casi di SCD sono correlati a malattie cardiovascolari non rilevate. Nella popolazione più giovane, la SCD è spesso dovuta a difetti cardiaci congeniti, mentre negli atleti più anziani (35 anni e più), la causa è più spesso correlata alla malattia coronarica.

Prevalenza:

Sebbene la SCD negli atleti sia rara, la copertura mediatica spesso lo fa sembrare più prevalente. Nella popolazione più giovane, la maggior parte SCD si verifica durante la riproduzione di sport di squadra; in circa uno su 100.000 a uno su 300.000 atleti, e più spesso nei maschi. Negli atleti più anziani (35 anni e più), SCD si verifica più spesso durante la corsa o il jogging – in circa uno su 15.000 jogging e uno su 50.000 maratoneti.

Screening:

L’American Heart Association raccomanda lo screening cardiovascolare per gli atleti delle scuole superiori e collegiali, che dovrebbe includere una valutazione completa e attenta della storia personale e familiare dell’atleta e un esame fisico. Lo screening dovrebbe essere ripetuto ogni due anni e una storia dovrebbe essere ottenuta ogni anno.

Gli uomini di età pari o superiore a 40 anni e le donne di età pari o superiore a 50 anni dovrebbero anche sottoporsi a un test di stress da esercizio e ricevere un’istruzione sui fattori di rischio e sui sintomi cardiaci.

Se vengono identificati o sospetti problemi cardiaci, l’atleta deve essere indirizzato a un cardiologo per ulteriori linee guida di valutazione e trattamento prima di

Defibrillatore cardioverter impiantabile (ICD):

Per i pazienti che hanno un grande rischio di SCD, un ICD può essere inserito come trattamento preventivo. Un ICD è una piccola macchina simile a un pacemaker progettata per correggere le aritmie. Rileva e quindi corregge una frequenza cardiaca veloce.

L’ICD monitora costantemente il ritmo cardiaco. Quando rileva un ritmo cardiaco molto veloce e anormale, fornisce energia (uno shock piccolo ma potente) al muscolo cardiaco per far battere di nuovo il cuore in un ritmo normale. L’ICD registra anche i dati di ogni episodio, che possono essere visualizzati dal medico attraverso una terza parte del sistema che viene conservato in ospedale.

L’ICD può essere usato in pazienti che sono sopravvissuti ad arresto cardiaco improvviso e che necessitano di un monitoraggio costante dei loro ritmi cardiaci. Può anche essere combinato con un pacemaker per trattare altri ritmi cardiaci irregolari sottostanti.

Procedure interventistiche o chirurgia:

Per i pazienti con malattia coronarica, può essere necessaria una procedura interventistica come l’angioplastica (riparazione dei vasi sanguigni) o un intervento di bypass per migliorare il flusso di sangue al muscolo cardiaco e ridurre il rischio di SCD. Per i pazienti con altre condizioni, come cardiomiopatia ipertrofica o difetti cardiaci congeniti, può essere necessaria una procedura interventistica o un intervento chirurgico per correggere il problema. Altre procedure possono essere usate per trattare i ritmi cardiaci anormali, compreso cardioversione elettrica e l’ablazione del catetere.

Quando si verifica un attacco di cuore nel ventricolo sinistro (camera di pompaggio inferiore sinistra del cuore), si forma una cicatrice. Il tessuto cicatrizzato può aumentare il rischio di tachicardia ventricolare. L’elettrofisiologo (medico specializzato in disturbi elettrici del cuore) può determinare l’area esatta che causa l’aritmia. L’elettrofisiologo, lavorando con il chirurgo, può combinare l’ablazione (l’uso di energia elettrica ad alta energia per “scollegare” le vie elettriche anormali all’interno del cuore) con la chirurgia di ricostruzione ventricolare sinistra (rimozione chirurgica dell’area infartuata o morta del tessuto cardiaco).

Istruisci i tuoi familiari:

Se sei a rischio di SCD, parla con i tuoi familiari in modo che capiscano la tua condizione e l’importanza di cercare cure immediate in caso di emergenza. I familiari e gli amici di quelli a rischio di SCD dovrebbero sapere come eseguire la RCP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.